Meteo di Tonino


Alpi occidentali - Poco nuvoloso Alpi orientali - Parzialmente nuvoloso Prealpi occidentali - Poco nuvoloso Prealpi orientali - Parzialmente nuvoloso Pianura occidentale - Parzialmente nuvoloso Udinese - Parzialmente nuvoloso Costa occidentale - Parzialmente nuvoloso Costa orientale - Parzialmente nuvoloso Carso - Nuvoloso Isontino - Parzialmente nuvoloso Pianura sud-est - Poco nuvoloso Pianura sud-ovest - Poco nuvoloso
TEMP. PIANURA
MIN (°C):
tra -3 e 0
MAX (°C):
tra +6 e +9
TEMP. COSTA
MIN (°C):
tra 0 e +3
MAX (°C):
tra +6 e +9
Previsione del 21-08-2018, fascia 12h - 24h
Ultimo aggiornamento del 16/02/2018 ore 08:47


Aggiornamento meteo di VENERDI' 16 FEBBRAIO delle ore 08:30

                                

Situazione e previsione generale

 

 

 

La situazione ci vede ancora protetti dall'alta pressione che ha garantito una serie di giornate soleggiate, anche se piuttosto fredde, specie nelle ore notturne, a causa dell'afflusso di aria più fredda dall'Europa centro orientale, giornate che comunque han visto temperature tipiche del periodo, pur leggermente al di sotto delle medie stagionali, ma, dopo un lunghissimo periodo di quasi un mese e mezzo con temperature anche pesantemente al di sopra delle medie, è piuttosto normale.

Tra sabato e la prima parte di domenica confermo l'arrivo di un debole fronte proveniente dall'Europa centrale, accompagnato da aria più fresca soprattutto in quota; avremo dunque un lieve peggioramento del tempo con nubi e qualche locale precipitazione con qualche locale fioccata o nevicata in montagna.

La prossima settimana comincerà con un tempo discreto/buono anche se, trattandosi di una evoluzione piuttosto dinamica e incerta , farò delle considerazioni più specifiche nell'aggiornamento di lunedì 19 febbraio.

I modelli matematici infatti stan cercando di inquadrare, con estrema difficoltà, e ci mancherebbe, le conseguenze in troposfera di uno Stratwarming davvero notevole (riscaldamento stratosferico) avvenuto in stratosfera da qualche giorno, che potrebbe avere ripercussioni appunto anche sul nostro vortice polare favorendo l'arrivo di masse d'aria più fredde dal nord Europa verso latitudini medio/basse tra fine mese e la prima parte del mese di marzo, ma trattandosi di un tema molto ostico e sottolineando che nessuno possa ancora sapere se la propagazione degli effetti nella notra troposfera sarà completa o dove colpiranno le masse d'aria più fredde (potrebbero potenzialmente anche solo sfiorarci) ne parlerò come sempre step by step seguendo sempre la situazione e l'evoluzione senza fare troppi "voli pindarici", in questo campo assolutamente inutili.

Voglio anche sottolineare come avere fasi fredde o molto fredde tra fine febbraio e la prima metà di marzo con gelo o con nevicate a quote basse, fino a non molti anni fa era la prassi e in tanti casi proprio all'inizio della primavera meteorologica abbiamo avuto le fasi invernali più avvincenti, tanto per citare solo un paio di casi , la fine febbraio/prima metà di marzo del 2004 e lo stesso periodo del 2005 che vide le temperature a inizio mese fino ai -10C in pianura a inizio marzo e due nevicate meravigliose in pianura una tra il 21/22 febbraio e l'altra tra il 3 e 4 marzo.

 

 

 

 

Previsioni dettagliate per il FVG  

 

 

 

Venerdì 16 febbraio: il cielo sarà ancora sereno o poco nuvoloso, anche se, nel corso della giornata, assisteremo al transito, su diverse zone, di nubi alte e stratificate, a tratti più compatte, specie tra l'alta pianura e la fascia montuosa.

A causa dell'incremento dell'umidità nei bassistrati, le brinate e gelate saranno piuttosto diffuse fino alla prima mattinata; non escludo foschie localmente dense e qualche banco di nebbia più probabile tra bassa pianura e pordenonese.

Le temperature su pianura e costa saranno generalmente stazionarie, salvo dei lievi aumenti, mentre in montagna, assisteremo a un rapido aumento delle temperature in quota e al fenomeno dell'inversione termica in diverse zone con temperature che rimarrano più basse in alcune vallate poste sotto i 900/1000m circa e più elevate alcune centinaia di metri sopra, con lo zero termico che salirà fin oltre i 2000/2000m circa.

 

 

 

Sabato 17: in attesa dell'aggiornamento di venerdì mattina, e non dimenticando quanto scritto sopra nella "situazione e previsione generale" questa giornata vedrà una nuvolosità irregolare con annuvolamenti localmente anche consistenti, salvo delle aree che potranno vedere maggiori schiarite.

Tra il tardo pomeriggio e ancora più la sera/notte sarà possibile qualche locale pioggia, generalmente debole o moderata, anche se con aree più innteressate e altre meno, quindi anche zone che non vedranno alcuna fenomenologia; in montagna, laddove ci saranno dei fenomeni, nevicherà oltre i 1000m circa, su alcune aree delle Giulie fin dai 700/800m circa.

La bassa pianura e la costa potranno vedere fenomeni un po' più diffusi rispetto al resto della regiorne.

 Ci saranno nelle ore più fredde qualche foschia a tratti densa e qualche locale banco di nebbia più probabile tra bassa pianura e costa.

Soffierà bora moderata, a tratti sostenuta sul triestino, specie nella seconda parte della giornata.

Le temperature saranno in aumento nei valori minimi proprio a causa delle nubi e stazionarie in quelli massimi; a 1500m circa slm avremo dei valori medi piuttosto alti dell'ordine dei +2/+3C circa con inversioni termiche diffuse.

 

 

 

Domenica 18: questa giornata dovrebbe vedere ancora inizialmente un tempo piuttosto instabile con annuvolamenti e qualche locale pioggia, generalmente deboli o al più moderate, anche se la distribuzione dei fenomeni sarà ancora irregolare con aree maggiormente coinvolte e altre invece meno o non del tutto.

Non escludo qualche fioccata al mattino più probabile sulle Giulie, ma, anche in questo caso, trattandosi di fenomeni non così diffusi non è detto che fiocchi in tutte le zone.

Tra la mattinata e il pomeriggio mi attendo una graduale attenuazione dei fenomeni, laddove saranno presenti nelle prime ore della mattinata con qualche locale schiarita tra il pomeriggio e la sera.

Soffierà bora a tratti sostenuta sulla pianura centro orientale, forte sulla costa con raffiche localmente anche molto forti sul triestino.

Le temperature saranno ancora in linea con le medie del periodo, anche se le minime notturne saranno generlmente di alcuni gradi superiori allo zero sulla pianura.

 

 

 

Tendenza per lunedì 19 febbraio: stando all'analisi di oggi, venerdì 16 febbraio, questa giornata dovrebbe vedere un cielo sereno o poco nuvoloso, salvo qualche locale annuvolamento di passaggio con una tendenza a temporaneo aumento della nuvolosità tra tardo pomeriggio e sera.

 

 

 

 

PS: Voglio ribadire l'importanza della lettura del testo previsionale e il fatto che le indicazioni grafiche siano semplicemente un ausilio che non fa alcun testo nella previsione, vista la loro genericità e il loro valore puramente indicativo, ergo anche dove vedete spesso i simboli della pioggia o del temporale questo non vuol dire che pioverà sempre ma la spiegazione dell'evoluzione meteorologica è assolutamente da ritrovare nel testo delle mie previsioni!






Leggi tutti i commenti

 
Pagina 1 di 15
  1. Tonino 20/08/2018 21:26
    Ciao Mariagrazia, se legge quel che ho scritto stamane sul blog già spiego in linee generali e perchè in linee generali cosa mi attenda per il fine settimana, quindi rispondo alla sua domanda. Ovviamente nel caso in cui accadrà quanto ho spiegato oggi nel blog, avremo senz'altro un peggioramento del tempo specie tra la fine di venerdì e sabato, con maltempo a fasi alterne e qualche temporale anche molto forte con calo delle temperature, ma a tratti potrebbe esserci qualche fase con tempo migliore, ovvio che non serve sottolineare che siamo comunque distanti dal week end e le consiglio di leggere quanto scrivo nei prossimi aggiornamenti, tutto il testo compresa la situazione e previsione generale che è il punto più importante nel quale spiego bene. Un caro saluto Mariagrazia e segua pure qui l'evoluzione del tempo.
  2. Mariagrazia 20/08/2018 16:49
    Spero sia guarito, le chiedo, anche se è tanto in anticipo, come pensa sia il 24,25,26 mettono su Cividale tempo bruttissimo specie sabato e domenica , mi auguro che posticipi, c'è il Palio ... la ringrazio e scusi il disturbo...
  3. Tonino 17/08/2018 12:42
    Grazie Cris spero tu abbia passato un super Ferragosto, io purtroppo ho ancora 39C di febbre dopo 2 giorni , Ferragosto compreso con 40C ;-)
  4. Cris 14/08/2018 14:45
    Buon ferragosto tonino!!!
  5. Tonino 11/08/2018 08:51
    Il fronte è passato con poca fenomenologia e molto localizzata, altra cosa, come scritto il peggioramento tra la fine del 13 e il 14 che vedrà un affondo un po' più incisivo con temporali presumibilmente più diffusi in regione.
  6. Giacomo 11/08/2018 07:22
    In corso forte temporale qui sul basso pordenonese, ho sentito di un terremoto in Carnia
  7. John 10/08/2018 17:37
    Non avevo nessun dubbio che come avevi detto tu la giornata di oggi sarebbe stata ancora in gran parte soleggiata e molto calda e che il peggiormanento vero sarebbe arrivato per la pianura e costa prima della nottata, altro che..
  8. Carlo 10/08/2018 14:03
    Grande Tonino ancora una volta previsioni perfette e mattinata che si è salvata pienamente e ancora molto caldo, perfette le tue spiegazioni, completamente sbagliate invece le previsioni dell'osmer e degli altri siti che da ieri sera e stamattina parlavano di temporali anche su pianura e costa, immenso!
  9. Tonino 08/08/2018 17:54
    Ciao Lozzi e grazie anzitutto davvero. Diciamo che a ora sia impossibile stabilire il timing esatto del peggioramento, visto che il fronte transiterà comuqnue tra pomeriggio e la sera/notte quindi con fenomeni più diffusi, a meno di cambiamenti ancora possibili, soprattutto in serata/notte, mentre in mattinata e pomeriggio potranno esserci dei locali temporali pre-frontali che potranno comuque interessare qualche area della pianura e ancor di più dell'area montuosa, ma è davvero impossibilepoter essere più precisi, se non nel nowcasting con questo tipo di peggioramenti comunque piuttosto imprevedibili vista l'irregolarità nella distribuzione dei fenomeni con aree che alla fine vengono prese direttamente da temporali violenti e altre invece in maniera più marginale, altre perfino non vengono per nulla interessate e il tutto magari a pochi km o centinaia di metri di distanza. Per avere fenomeni più diffusi servono ovviamente affondi depressionari più organizzati simili, saccature atlantuiche simili a quella che, sempre a oggi, si vede appunto per il metà mese, intorno al 13/14 agosto. Un caro saluto, grazie ancora e continua a seguire gli aggiornamenti step by step. :-)
  10. Lozzi 08/08/2018 17:43
    Dimenticavo: il mio impegno si estende al tragitto Udine - Venezia. Grazie!


Pagina 1 di 15

Scrivi cosa ne pensi





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Accetto