Meteo di Tonino


Alpi occidentali - Parzialmente nuvoloso Alpi orientali - Poco nuvoloso Prealpi occidentali - Parzialmente nuvoloso Prealpi orientali - Poco nuvoloso Pianura occidentale - Parzialmente nuvoloso Udinese - Poco nuvoloso Costa occidentale - Poco nuvoloso Costa orientale - Poco nuvoloso Carso - Parzialmente nuvoloso Isontino - Poco nuvoloso Pianura sud-est - Parzialmente nuvoloso
TEMP. PIANURA
MIN (°C):
tra -3 e 0
MAX (°C):
tra +9 e +12
TEMP. COSTA
MIN (°C):
tra +3 e +6
MAX (°C):
tra +9 e +12
Previsione del 24-01-2020, fascia 00h - 12h
Ultimo aggiornamento del 24/01/2020 ore 08:30


Primavera

Aggiornamento di venerdì 24 gennaio delle ore 08:30
 

Situazione e previsione generale + tendenza a linee generali del tempo per la prossima settimana

 



 

L'alta pressione continua ad assicurare un tempo stabile e soleggiato con temperature minime in linea con le medie del periodo, con estese brinate e gelate e massime che, invece, sono praticamente tutti i giorni almeno 3/4C superiori ai valori tipici del periodo con alcune giornate che, nelle ore centrali, hanno il tipico tepore marzolino.

Una stagione invernale che continua a essere sempre più deludente sia in pianura che in montagna e adesso ci avviamo verso una fase invernale ancora più mite con apice del clima mite presumibilmente tra fine mese e soprattutto i primi giorni di febbraio a causa della discesa del flusso umido oceanico con meno cielo sereno, più nubi, maggior umidità e occasione per qualche debole pioggia o pioviggine in alcune giornate con qualche nevicata in montagna ma non certo a quote basse per il periodo.

Successivamente tra la fine di gennaio e i primi di febbraio, quindi dal week end della prossima settimana fin verso i primi del prossimo mese tornerà l'alta pressione con un flusso di correnti molto miti dal mediterraneo ad assicurarci l'ennesima fase mite di questo non inverno.

Ma andiamo con ordine; il fine settimana vedrà un venerdì dal tempo ancora stabile, con tendenza ad aumento della nuvolosità a partire da ovest. specie verso fine giornata.

Sabato 25 il transito di un modestissimo fronte porterà della nuvolosità e qualche lievissima precipitazione, generalmente debole o a carattere di pioviggine con qualche fioccata in montagna comunque a quote mediamente elevate sopra i 1300/1400m circa e solo localmente a quote inferiori ma pochissimo e su molte zone non farà nulla.

Domenica continueremo ad avere un mix tra nuvolosità e umidità con temperature (già da sabato) in ulteriore aumento specie nei valori minimi; la prossima settimana poche novità con l'arrivo di ulteriori correnti decisamente umide e a tratti instabili con qualche locale pioggia tra martedì 28 e mercoledì 29, umidità molto elevata e qualche fioccata o nevicata in montagna a quote decenti ma non certo ottimali per il periodo e generalmente sopra i 1000m circa salvo qualche sconfinamento a quote inferiori con temperature che continueranno a mantenersi su valori medi molto più alti del normale specie a causa delle minime molto elevate.

Cambia dunque tutto solo nel senso che con un flusso più umido, maggior nuvolosità avremo, come detto, un aumento anche marcato delle minime notturne e un aumento dell'umidità con foschie o nebbie più estese e localmente persistenti, ma continueremo a viaggiare su valori al di sopra della media, alcune giornate anche di moltissimi gradi con il colpo di grazia se vogliamo, tra fine mese e inizio febbraio quando mi attendo un ulteriore aumento dei valori e nuovamente temperature tipicamente primaverili su molte zone.

 



   

    

Previsioni dettagliate per il FVG

 

 


 

Venerdì 24 gennaio: cielo da poco nuvoloso a parzialmente nuvoloso per annuvolamenti per nubi alte e stratificate che diverranno più consistenti, a partire da ovest, specie tra tardo pomeriggio e sera.

Le temperature saranno generalmente stazionarie o in lieve calo nei valori massimi.

 

 


 

Sabato 25: nuvolosità irregolare a tratti più intensa con qualche locale debole pioggia/pioviggine e qualche fioccata sporadica generalmente oltre i 1300/1400m circa, con fenomeni che comunque interesseranno la regione a macchia di leopardo con molte aree che vedranno poco o nulla.

Le temperature minime saranno in aumento su valori intorno allo zero o superiori, le massime stazionarie con valori ancora superiori a quelli tipici del periodo, localmente anche superiori ai 10/11C.

 

 


 

Domenica 26: alternanza di schiarite e  annuvolamenti anche consistenti con umidità relativa in aumento e foschie o locali banchi di nebbia nelle ore più fredde, in particolare su alcune aree della pianura verso sera/notte.

Le temperature saranno ben al di sopra delle medie del periodo, stavolta anche nei valori minimi notturni a causa della nuvolosità.





Tendenza a linee generali del tempo per lunedì 27 e martedì 28: la prossima settimana, come spiegato bene sopra nella "situazione e previsione generale" che invito tutti a leggere, vedrà l'arrivo di correnti molto umide con un cielo tra parzialmente nuvoloso e nuvoloso, foschie dense e locali banchi di nebbia, sporadiche schiarite e qualche pioviggine o locale pioggia, più probabile nella giornata di martedì 28, quando potremo avere anche delle locali nevicate sopra i 1000/1200m circa e localmente a quote un po' inferiori.

Le temperature medie saranno molto più alte dei valori tipici del periodo, specie a causa delle minime notturne ovunque superiori allo zero su pianura e costa con valori anche localmente superiori ai +4/5C e massime spesso superiori ai 10/11C.

 


  

    

PS: Voglio ribadire l'importanza della lettura del testo previsionale (anche e soprattutto quella della "situazione e previsione generale", laddove spiego le varie dinamiche) e il fatto che le indicazioni grafiche siano semplicemente un ausilio che non fa alcun testo nella previsione, vista la loro genericità e il loro valore puramente indicativo, ergo anche dove vedete spesso i simboli della pioggia o del temporale questo non vuol dire che pioverà sempre ma la spiegazione dell'evoluzione meteorologica è assolutamente da ritrovare nel testo delle mie previsioni!



 






Leggi tutti i commenti

 
Pagina 8 di 15
  1. Steve 12/11/2019 13:32
    Grazie. Infatti le possibilità maggiori mi sembravano esserci proprio tra la tarda mattinata e il pomeriggio di domani. Anche se in realtà le precipitazioni più abbondanti mi sembra avvengano soprattutto tra stanotte e domani in prima mattinata. Quindi se nevicasse da domani tarda mattinata/pomeriggio dovrebbero trattarsi di nevicate non più di moderate. Vedremo dai!
  2. Tonino 12/11/2019 11:51
    Ciao Steve, ovviamente certezze non ce ne sono, c'è parecchia discordanza sulle isoterme che avremo sulle Giulie che vanno dalla +4C alla 0C a 850Hp per stanotte e domani mattina; diciamo che senz'altro domani la quota neve dovrebbe calare nella peggiore ipotesi e far vedere qualche ora di bella neve, ma potrebbe già nevicare a quelle quote tra il tardo pomeriggio di oggi e la nottew anche se dipenderà dal fattoi che avvenga o meno un forte richiamo mite in quota o no quindi se nevicherà tra la tarda mattinata e il pomeriggio ndi domani avremo un certo accumulo ma non eccessivo, altrimenti avremo anche un grosso accumulo se dovesse nevicare continuamente senza richiamo mite tra la sera e domani ;)
  3. Steve 12/11/2019 11:39
    Ciao tonino. Domani in giornata a fusine dovrebbe nevicare vero? Anche nel pomeriggio se non sbaglio.
  4. CharlesSoppy 12/11/2019 01:56
    Hello! meteotonino.it Have you ever heard that you can send a message through the feedback form? These forms are located on many sites. We sent you our message in the same way, and the fact that you received and read it shows the effectiveness of this method of sending messages. Since people in any case will read the letter received through the contact form. Our database includes more than 35 million websites from all over the world. The cost of sending one million messages 49 USD. There is a discount program for large orders. Free test mailing of 50,000 messages to any country of your choice. (We also provide other services. 1. Mailing email message to corporate addresses of any country 2. Selling the email database of any country in the world) This letter is created automatically. Please use the contact details below to contact us. Contact us. Telegram - @FeedbackFormEU Skype FeedbackForm2019 Email - feedbackform@make-success.com
  5. Tonino 07/11/2019 08:21
    Dipenderà dunque da zona a zona e al fatto che l'intensità delle precipitazioni e lo sbarramento montuoso possa portare a sostanziale omotermia dai 1700m fino ai 1000/1100m localmente ;-)
  6. Tonino 07/11/2019 08:12
    Direi Steve che molto dipenderà dall'intensità delle precipitazioni con uno zero termico a quote comprese tra i 1600 e i 1900m circa, dunque con precipitazioni intense potrà essere neve forte (a tratti mista con pioggia) fino a 1200/1300m circa, chiaro che da 1400/1500m circa al 99/100% sarà tutta neve copiosa e con accumuli ingenti, ma anche sotto si può sperare, a meno di richiami caldi troppo esagerati, in buoni accumuli, localmente importanti.
  7. Steve 06/11/2019 14:00
    Venerdì andrò a sauris di sopra sperando possa nevicare in zona. Credo che sia il massimo a cui posso puntare, considerando la quota neve e la vicinanza al Cadore. Speriamo che nevichi...tu cosa mi diresti? Meglio Sappada o Sauris di sopra?
  8. Tonino 04/11/2019 08:04
    Ciao John si, ma, come spiego sul blog, è impossibile fare una previsione dettagliata, specie in questo contesto molto dinamico a questa distanza temporale, visto che da qui alle prossime settimane ne scorrerà di acqua sotto i ponti. Da qui a metà mese cambieranno le mappe e dovrò fare decine di analisi pe rfar previsioni e sempre step by step. Intanto, anche per la Liguria, in questo periodo a intervalli regolari, avremo diverse giornate di pioggia specie tra fine prima decade e inizio della seconda, poi, man mano si vedranno le dinamiche precise.
  9. John 04/11/2019 00:25
    Ciao fai previsioni anche fuori regione? Te lo chiedo perché sabato 16 andrò a La Spezia. Troverò pioggia? Grazie.
  10. Tonino 31/10/2019 08:51
    Si Steve il tema è molto ampio e ci sarebbe da discutere, sistemi temporaleschi come quello sono davvero rari o unici nel loro genere specie per la vastità dell'area interessata e l'energia in gioco, ma non mancano, in passato eventi anche tornadici su larga scala che in passato han portato devastazione e vittime come l'evento del luglio del 1930. C'è da fare uno studio molto approfondito sulle dinamiche, e sui vari pattern e sinottiche che rimangono determinanti affinché vi sia la formazione di fenomeni estremi, basti vedere la bassissima frequenza di fenomeni violenti negli ultimi anni, salvo il caso da te citato rispetto ai 15/20 anni precedenti. Un giorno faremo una Conferenza su questo tema molto ma molto interessante oltre che importantissimo. Ciao steve! :-)


Pagina 8 di 15

Scrivi cosa ne pensi





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Accetto